Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/?id=http%3A%2F%2Fwww.tosoy.com%2Findex.php%2Fguide%2F2-pokemon-go-modifica-del-gps): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 403 Forbidden in /home/mhd-01/www.tosoy.com/htdocs/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 173

Guida testata e funzionante con la versione di Pokémon Go 0.33 dell' 11 agosto 2016

 

ATTENZIONE:

Fare quanto indicato nella seguente guida è una violazione delle regole del gioco stesso. Ho deciso di scrivere questa guida per permettere questa cosa illegale a chi magari lavora tutto il giorno e non può permettersi il lusso di girare in cerca dei pokémon o per chi è sdraiato in un letto senza la possibilità di camminare a seguito di qualche problema fisico e magari non può e non potrà mai camminare. Così facendo ha la possibilità di giocare, divertirsi e vivere un po' meglio il proprio disagio.
Non mi importa il motivo per cui decidete di utilizzare questo espediente, vi suggerisco solo di non abusarne altrimenti si perde il bello del gioco. 
Chiaramente non mi ritengo responsabile dell'uso che ne fate nè di eventuali problemi che potreste avere al vostro cellulare qualora sbagliate qualcosa o qualora si verifichino problemi che io non ho riscontrato. Nessuno vi obbliga a fare questo procedimento quindi se lo fate è solo ed esclusivamente una vostra scelta.
Infine non è da escludersi che tra un'ora, un giorno o un mese, arrivino i BAN per chi utilizza questo espediente, soprattutto se in maniera eccessiva.

 

PREMESSA:

A cosa serve modificare il rilevamento del GPS in Pokémon Go? Questa alterazione permette di risultare in un luogo diverso da dove realmente si è. Con la seguente guida, valida SOLO per cellulari con sistema operativo ANDROID, anche le persone meno pratiche saranno in grado di applicare questo espediente. L'operazione di messa a punto richiede circa una mezz'ora e va fatta solo una volta. Poi, per il gioco, sarà sufficiente compiere operazioni di pochi secondi ma procediamo con ordine.

 

 

PREPARAZIONE:

Per prima cosa, nulla in questa guida funzionerà se nel vostro cellulare non avete i permessi di ROOT. Se invece avete i ROOT potete andare direttamente al Punto 9 di questa guida.
I permessi di root sono delle autorizzazioni speciali del telefono e che permettono all'utente esperto di alterare il proprio telefono con modifiche non ufficiali. Questo tipo di operazioni possono invalidare la garanzia quindi è bene farle solo se sapete realmente cosa state facendo. Vediamo ora passo per passo cosa bisogna fare...

1) Avrete bisogno di collegare il telefono al computer tramite cavo usb. Procuratevi quindi il cavetto e i driver per riconoscere il cellulare. Se sul computer avete ad esempio Samsung KIES, siete a posto altrimenti cercate su google i driver usb per il vostro cellulare.

2) Individuate il modello tecnico del vostro telefono andando orientativamente in Impostazioni -> Info sul Dispositivo -> Codice Modello. Il percorso può variare da telefono a telefono. Se non lo trovate con il percorso da me indicato, cercate su google. Ad esempio il Samsung Galaxy S7 Edge come modello tecnico si chiama SM-G935F.

3) In questa pagina https://autoroot.chainfire.eu/ premendo contemporaneamente CTRL+F cercate il modello tecnico del vostro telefono e scaricate il relativo pacchetto Download.

 

 

 

 

 

Nella pagina che si apre premendo su Download, il download è in basso alla pagina. Nel mio caso specifico ho cercato e scaricato quello dell'SM-G935F.

 

 

 

 

 

4) Scaricato il pacchetto, estraetelo con WinZip, WinRar o qualsiasi programma simile. Vi ritroverete qualcosa di simile.

 

 

 

 

 

 

5) Avviate il programma Odin3 (quello con l'icona azzurra) e nella schermata che appare, premete su AP. Nella finestra che appare selezionate l'unico file che trovate e se avete fatto correttamente, Odin vi mostrerà alcune informazioni.

 

 

6) Nel vostro telefono dovete abilitare il Debug USB. La collocazione di questa voce varia da modello a modello. Nel caso del mio telefono e di altri telefoni con sistema android che ho testato, si trova in Impostazioni -> Opzioni Sviluppatore. Questa voce semmai non fosse visibile da nessuna parte, dovete renderla visibile voi stessi e anche qui, il sistema per farlo varia in base al telefono. Nei casi testati (android 4.6 e android 6.0) è diventata visibile solo ed esclusivamente dopo aver premuto più volte sulla voce Versione build che nel mio caso si trova in Impostazioni -> Info sul dispositivo -> Info software.

Riassumendo quindi, cercate la "versione build", tramite essa premendoci sopra più volte sbloccate le Opzioni Sviluppatore ed in esse attivate il Debug USB.

7) Spegnete il telefono. Ora premete contemporaneamente i tasti necessari ad avviare il telefono in modalità download (nella maggior parte dei telefoni è Volume Giu + Home + Accensione ma se così non fosse, cercate su google per il vostro telefono) e seguire il tasto Volume Su. Il telefono sarà così pronto per ricevere i Root.

 

8) Collegate il telefono al cavetto e il cavetto al computer. Odin lo rileverà. Premete su Start e nel giro di qualche secondo il programma farà quello che va fatto.

 

Durante l'installazione dei permessi di Root potreste vedere una schermata simile ma non preoccupatevi, è tutto normale. Ad installazione terminata, il telefono si riavvierà anche più volte nel giro di pochi secondi, al fine di configurarsi. Ad operazione conclusa, si avvierà completamente restituendovi il vostro normale telefono. Potrebbe capitare che il telefono, dopo un certo numero di minuti, rimane bloccato sul logo di accensione. Se sono passati 5-10 minuti ed è ancora così, spegnete il telefono e ri-accendetelo. A questo punto dovrebbe avviarsi correttamente. 

 

8) A questo punto dovreste avere i permessi di root e per verificare ciò vi basta andare nell'elenco delle vostre applicazioni. Se trovate un app chiamata SuperSU allora è tutto ok. A seconda della versione di android che avete, l'app potrebbe avere una di queste icone.

 

Esiste però la remota possibilità che pur essendo stata installata, l'app sia invisibile. In questo ultimo caso, entrate nel Google Play Store, cercate e scaricate Root Checker, simpatica app free per verificare lo stato sei root. Io per i test ho scaricato quella della joeykrim ma una vale l'altra purchè faccia il suo dovere.

9) Dal Google Play Store o da qualsiasi altra parte vogliate, scaricate l'app Link2SD (la versione free è più che sufficiente) e l'app Fake GPS Location Spoofer (la versione free dell'app non va bene quindi vi serve quella a pagamento).

 

 

10) Installate Link2SD. SuperSU vi chiederà di fornire all'app l'autorizzazione e voi dovete dargliela. Da ora in avanti, poichè ora lo avete, SUperSU potrà chiedervi l'autorizzazione per altre app che avete sul vostro telefono. Nel caso di Link2SD le autorizzazioni sono necessarie mentre per le app che avete usato fino ad oggi senza root, sono totalmente inutili, motivo per cui potrete anche decidere di negarle.

11) Chiude Link2SD ed installate Fake GPS Location Spoofer. Al primo avvio l'app non vi farà fare nulla ma vi chiederà di andare nelle opzioni sviluppatore ed abilitare le posizioni fasulle del GPS (Enable Mock Location). Questa opzione si trova generalmente in Impostazioni -> Opzioni Sviluppatore -> App di posizione simulata

   

 

12) Tornando indietro nel programma, Fake GPS Location Spoofer vi segnalerà che avete il gps spento. Premendo su Location Access Setting entrerete nella schermata di attivazione del GPS. Attivatelo e come Metodo di ricerca impostate Solo GPS. Attenzione perchè ogni volta che spegnerete il GPS e poi lo riaccenderete, dovrete cambiare il Metodo di ricerca perchè il telefono lo rimette di default su GPS-Wi-Fi e reti mobili.

 

 

13) Ignorate eventuali messaggi di Fake GPS Location Spoofer e da dentro il programma, premete i tre punti verticali posti nell'angolo in alto a destra. Apparirà un menù, premete su Setting e appariranno diverse opzioni. L'unica che ci interessa al momento è Expert Mode che come potete notare, non è selezionabile. Tornate indietro e chiudete il programma.

 

 

14) Aprite nuovamente Link2SD e scorrendo l'elenco delle app al suo interno, cercate Fake GPS Location Spoofer. Selezionatela entrando così nei dettagli. Qualora Fake GPS Location Spoofer sia stata installata sulla memoria della scheda sd del telefono, dovete spostarla sulla memoria del cellulare. Per farlo, premete su Move To Phone in fondo alla schermata e a seguire, su OK ed infine su OK.

 

 

Aprite nuovamente Fake GPS Location Spoofer e poi, riavviate il telefono.

Se non avete scheda ds nel telefono o se l'app era già installata sulla memoria del telefono, passate al prossimo punto.

15) Aprite nuovamente Fake GPS Location Spoofer. Ora premete il tasto home del telefono così da uscire dall'app senza chiuderla. Aprite nuovamente Link2SD e scorrete nuovamente l'elenco fino a trovare Fake GPS Location Spoofer. Selezionatelo ed entrerete nuovamente nei dettagli. Adesso premete sui tre punti verticali posti in alto a destra dell'app e nel menù che appare, selezionate Convert to system app e poi su OK. Riavviate il telefono.

 

16) Andando nell'elenco di tutte le vostre app, dovreste trovare Fake GPS Location Spoofer. Se la trovate, passate direttamente al punto 18) altrimenti continuate a leggere qui.

Potrebbe capitare che l'app sia sparita e in tal caso, dovete installarla nuovamente in quanto è diventata un'app di sistema ma si è cancellata la parte relativa all'interazione con l'utente. Facendo una nuova installazione, andate a ripristinare questa seconda parte. Durante la seconda installazione, il telefono vi chiederà se volete installare l'aggiornamento per l'app integrata. Installate senza preoccupazioni.

17) Aprite Fake GPS Location Spoofer e annullate sul messaggio relativo il Block SMS/MMS. Ora premete il tasto home del telefono così da uscire dall'app senza chiuderla. Aprite nuovamente Link2SD e scorrete nuovamente l'elenco fino a trovare Fake GPS Location Spoofer. Selezionatelo ed entrerete nuovamente nei dettagli. Ora, se avete la scheda sd nel telefono, spostate nuovamente l'app sulla memoria del telefono e riavviate. Diversamente passate al prossimo punto.

18) Aprite nuovamente Fake GPS Location Spoofer e premete sui tre punti verticali in alto a destra. Apparirà nuovamente il menù, premete su Setting e appariranno nuovamente diverse opzioni. Noterete che questa volta, Expert Mode è selezionabile. Premeteci sopra e premete poi OK sull'avviso che compare. Se siete giunti a questo punto direttamente dal 16) andate direttamente al punto 21). Diversamente continuate con il punto 19.

 

19) Premete il tasto home del telefono così da uscire dall'app senza chiuderla. Aprite nuovamente Link2SD e scorrete nuovamente l'elenco fino a trovare Fake GPS Location Spoofer. Selezionatelo ed entrerete nuovamente nei dettagli. Adesso premete sui tre punti verticali posti in alto a destra dell'app e nel menù che appare, selezionate Integrate update into system e poi su OK. Riavviate il telefono.

 

20) Andando nell'elenco delle app di telefono, dovreste trovare Fake GPS Location Spoofer. Se invece l'app fosse scomparsa, ripetete i punti dal 16) in poi fino a quando non avrete risolto. Se invece è ancora li dove deve essere, continuate a leggere.

21) Tornate nel menu Opzioni Sviluppatore e togliete Fake GPS Location Spoofer come app di posizione simulata. In sostanza dovete fare l'esatto opposto del settaggio che avete compiuto nel punto 11)

Congratulazioni, avete finito la preparazione. Proseguite con la guida sull'utilizzo.

 

 

UTILIZZO: 

1) Attivate il WiFi o il Traffico Dati del telefono.

2) Attivate il GPS e cambiate la precisione in "solo GPS".

3) Avviate Fake GPS Location Spoofer, scrivete la località desiderata o spostatevi con le dita.

4) Doppio tocco sul punto interessato in moda da far apparire uno spillo blu.

5) Premete sul bottone arancione raffigurante il tasto play e attendete che appaia la scritta "Fake Location Engaged".

6) Aprite Pokémon Go.

 

PER SPOSTARSI:

1) Premete il tasto home del telefono così da andare nell'elenco delle app aperte.

2) Selezionate Fake GPS Location Spoofer e spostate lo spillo tramite doppio tocco sullo schermo. Consiglio di non spostarvi oltre i 50 metri approssimativi...

3) Premete nuovamente sul bottone arancione raffigurante il tasto play e attendente che appaia la scritta "Fake Location Stopped" e subito dopo "Fake Location Engaged".

4) Premete il tasto home del telefono per ritornare all'elenco delle app aperte e selezionate Pokemon Go. Tornando al gioco il vostro personaggio si sposterà.

 

PROBLEMI RISCONTRATI:

1) Se dopo uno o più spostamenti, il fake gps inizia a comportarsi in maniera anomala (per una frazione di secondo venite riportati nella zona effettiva in cui siete) non preoccupatevi, è un difetto dell'app che non comporta problemi col gioco.

2) Se durante il gioco, i pokemon che provate a catturare scappano tutti dopo il primo tentativo di cattura (non un singolo caso ma 3-4-5-6 di fila) e i pokestop non vi danno oggetti, significa che il gioco si è bloccato a seguito dell'uso del fake gps. In questi casi per risolvere vi basta chiudere il gioco, disattivare e chiudere il fake gps, disattivare gps e connessione internet ed infine ripulire la ram del telefono. Fatto passare qualche minuto potete attivare nuovamente tutto e il gioco dovrebbe funzionare correttamente. In caso contrario, ripetete le operazioni e attendete 10 minuti. A quel punto funzionerà, o per lo meno dai test fatti è sempre ripartito correttamente.

 

 

Mi raccomando, non andate all'estero con il Fake GPS. Con il fake impostato all'estero, per evitare il ban dovreste usare determinate app aggiuntive che non intendo trattare in questa guida.

 

Se questa guida ti è piaciuta o se hai qualche problema, fammelo sapere :)

 

 

 

Aggiungi commento

Qualunque sia il tuo commento, per favore non offendere, non insultare e non usare linguaggi inappropriati. Grazie


Codice di sicurezza
Aggiorna